Le vene varicose possono verificarsi in diverse parti del corpo - GueSehat.com

La banda sana doveva avere familiarità con il termine varicose. Le vene varicose si vedono comunemente nelle gambe, sia nella zona della gamba che della coscia. Le vene varicose sembrano vene sporgenti e tortuose di colore blu o viola scuro. Le vene varicose sono vene gonfie e dilatate che si verificano a causa di un accumulo di sangue. Perché può esserci accumulo di sangue nelle vene?

Le vene sono uno dei 3 tipi di vasi sanguigni nell'uomo, vale a dire arterie, vene e capillari. Le vene funzionano per trasportare il sangue da tutto il corpo al cuore. All'interno delle vene, c'è una valvola che funziona come una porta unidirezionale in modo che il sangue che è passato attraverso la valvola non possa tornare di nuovo.

Se queste valvole si indeboliscono o si danneggiano, il sangue può rifluire e accumularsi nelle vene. Questo accumulo di sangue provoca la dilatazione delle vene, con conseguente vene varicose.

Le vene non si trovano solo nelle gambe, ma anche in altre parti del corpo. Pertanto, le vene varicose possono verificarsi anche in parti del corpo diverse dalle gambe, vale a dire nell'esofago (esofago), nell'intestino, nell'ano, nello scroto (testicoli), nella vagina, nell'utero e nel bacino.

Dai, conosciamo uno per uno queste vene varicose, le gang!

1. Vene varicose esofagee

Queste vene varicose si verificano nell'area esofagea, nota anche come esofago. Questa condizione si verifica a causa dell'aumento della pressione nella vena porta. La vena porta è un vaso sanguigno che funziona per drenare il sangue dagli organi digestivi, come lo stomaco, l'esofago, la milza, il pancreas e l'intestino, al fegato.

Le persone con malattie del fegato come la cirrosi (indurimento del fegato) sono a rischio per questo tipo di vene varicose. La rottura delle vene varicose può essere pericolosa per la vita per i pazienti con sintomi di vomito di sangue o movimenti intestinali sanguinanti, così come una diminuzione della pressione sanguigna che può provocare shock. Pertanto, è importante che le persone con cirrosi consultino un medico sul rischio di varici esofagee e su come ridurre il rischio di scoppio delle vene varicose.

2. Vene varicose intestinali

I pazienti con cirrosi sono anche a rischio di vene varicose intestinali. L'alta pressione rende il flusso sanguigno venoso dall'intestino incapace di tornare correttamente, con conseguente dilatazione delle vene nel rivestimento dell'intestino. I principali sintomi riscontrati sono movimenti intestinali con sangue o noti come melena, dolore addominale e mancanza di sangue (anemia).

3. Vene varicose anali

Queste vene varicose sono meglio conosciute come emorroidi o emorroidi. Le vene varicose sono causate dall'alta pressione dovuta alla dilatazione delle vene nel plesso emorroidale (vasi sanguigni nell'ano), che poi provoca gonfiore della mucosa del canale anale.

L'alta pressione può essere causata da abitudini o da quanto segue:

  1. Costipazione (stitichezza).
  2. L'abitudine di sforzarsi durante la defecazione.
  3. Dare alla luce.
  4. L'abitudine di stare seduti per lunghi periodi di tempo.
  5. Anziano.

Il sintomo principale sperimentato dai pazienti è la defecazione accompagnata da sangue fresco.

4. Vene varicose scrotali

Le vene varicose scrotali in termini medici sono conosciute come varicocele. Le vene varicose si verificano nello scroto (testicoli), che è gonfiore delle vene nell'area dello scroto. I sintomi sperimentati dai pazienti includono disagio nello scroto, dolore durante le lunghe attività, gonfiore nello scroto e nel tempo le vene appariranno prominenti nello scroto.

5. Vene varicose vaginali

I dati mostrano che circa il 10% delle donne in gravidanza soffre di questo tipo di vene varicose. Generalmente, questo si verifica nel 3o trimestre di gravidanza, quando i vasi sanguigni inferiori si dilatano. La dilatazione si verifica quando il feto si sviluppa. Il rischio stesso aumenta al diminuire della velocità del flusso sanguigno nella parte inferiore del corpo.

Sintomi sperimentati sotto forma di pressione e gonfiore nell'area pubica (vagina) o tra le cosce. Tuttavia, non devi preoccuparti perché le vene varicose vaginali non hanno alcun effetto sul normale processo di consegna.

6. Vene varicose

Durante la gravidanza, l'aumento del volume sanguigno e il ritorno venoso provocano la dilatazione delle vene fino a quando la pressione supera l'elasticità delle vene. Di conseguenza, si formano le vene varicose. Inoltre, le vene varicose uterine sono anche interessate dai cambiamenti ormonali durante la gravidanza, che influenzano la natura dei vasi sanguigni.

I sintomi più comuni includono dolore addominale o disagio nella zona addominale inferiore e lamentele di dolore o bruciore, specialmente durante i rapporti sessuali, lo sforzo o l'esercizio.

7. Vene varicose pelviche

Conosciuta anche come sindrome da congestione pelvica, che è accompagnata da dolore pulsante nella zona pelvica. Le vene varicose di questo tipo non sono generalmente visibili ad occhio nudo perché le vene dilatate si trovano nella cavità pelvica.

I pazienti generalmente avvertono dolore all'addome durante le mestruazioni e avvertono disagio durante o dopo il sesso. In effetti, i malati possono anche provare dolore acuto quando cambiano postura, camminano o sollevano oggetti pesanti.

8. Vene varicose

Quasi il 30% degli adulti ha questo tipo di vene varicose. I fattori che giocano un ruolo sono il sovrappeso, la vecchiaia e lo svolgimento di attività che richiedono di stare in piedi per lunghi periodi di tempo. Poiché queste vene varicose sono visibili ad occhio nudo, esteticamente questo può peggiorare l'aspetto. Inoltre, i malati spesso avvertono anche dolore, soprattutto dopo essere stati in piedi o seduti a lungo e crampi alle gambe.

Bene, la banda sana, si scopre che le vene varicose possono verificarsi in diverse parti del nostro corpo. Le vene varicose possono essere trattate con il primo passo, vale a dire la diagnosi precoce. Se si verificano sintomi che indicano vene varicose, è meglio consultare un medico per ottenere il trattamento giusto per prevenire il peggioramento delle vene varicose.

Riferimento

1. Maruyama e Yokosuka Fisiopatologia dell'ipertensione portale e delle varici esofagee. Int J Hepatol. 2012. p.1-7.

2. Gavrilov. Varicosità vulvare: diagnosi, trattamento e prevenzione. Int J salute delle donne. 2017. Vol. 9. p.463-475.

3. Acheson e Scholefield. Gestione delle emorroidi. BMJ. 2008. Vol. 336 (7640). p.380-383.

4. Capire le vene varicose - le basi.

5. K. Matsuo. Varici uterine durante la gravidanza. Giornale americano di ostetricia e ginecologia. 2007. Vol. 197. p.112. e1