Emorroidi dopo il parto | Sono sano

Dopo aver lottato per concepire per 9 mesi e aver partorito in sicurezza, le mamme devono aver provato un senso di sollievo. Ma a volte, non tutto va liscio come vorresti. A volte il problema non viene dal bambino, ma da te stesso. Le mamme possono provare dolore durante i movimenti intestinali (BAB) e sentire gonfiore nel retto dopo il parto. La condizione è chiamata emorroidi o comunemente chiamate emorroidi.

Cosa sono le emorroidi?

Le emorroidi o emorroidi si verificano perché c'è un'infiammazione o gonfiore che appare sulle labbra dell'ano causato da un'aumentata pressione nelle vene nell'ano o nel retto, caratterizzata dalla comparsa di grumi che sono generalmente piccoli delle dimensioni di un acino d'uva. Questa condizione interferirà notevolmente con le attività quotidiane come sedersi, camminare e defecare.

Ciò può causare sanguinamento quando si ha un movimento intestinale. Le emorroidi possono comparire durante la gravidanza a causa del peso e della pressione extra del bambino e possono comparire dopo il parto in madri che non hanno mai avuto emorroidi prima. Puoi anche sviluppare emorroidi perché spingi troppo forte durante il travaglio.

Ci sono quattro fasi della gravità delle emorroidi, tra cui:

  • Fase 1: emorroidi che sanguinano ma non prolasso (gli organi pelvici si incurvano più di quanto dovrebbero)
  • Fase 2: emorroidi che prolasso e si tirano su se stesse (con o senza sanguinamento)
  • Fase 3: emorroidi che prolasso ma devono essere spinte con le dita
  • Fase 4: emorroidi che prolasso e non possono essere respinte in modo che possano formare un trombo (coagulo di sangue) o tirare il rivestimento del retto attraverso l'ano

Nelle madri che soffrono di emorroidi durante la gravidanza, di solito è causata dalla pressione sul parenio (l'area tra l'apertura vaginale e l'ano). Durante la gravidanza, l'utero continua ad allargarsi, esercitando una pressione sulla grande vena sul lato destro del corpo che riceve il sangue dalle gambe. Questa pressione può quindi rallentare il ritorno del sangue dalla parte inferiore del corpo, aumentando così la pressione sui vasi sanguigni sotto l'utero e provocandone l'allargamento.

Leggi anche: Costipazione nei bambini, è pericolosa?

Inoltre, l'aumento dell'ormone progesterone durante la gravidanza provoca anche il rilassamento delle pareti dei vasi sanguigni, in modo che i vasi sanguigni si gonfino più facilmente. L'ormone progesterone può anche causare stitichezza rallentando i movimenti intestinali.

Sintomi di emorroidi dopo il parto

Le emorroidi nelle donne in gravidanza sono dello stesso tipo di quelle che hanno le emorroidi. L'unica differenza sta nel tipo di pressione che ne innesca la formazione. Le emorroidi si coagulano intorno all'ano, spesso essendo sensibili o dolorose al tatto. I seguenti sintomi di emorroidi sono:

  • Prurito, irritazione intorno all'ano a causa dell'infiammazione dei vasi sanguigni ingrossati
  • Gonfiore delle dimensioni di un pisello
  • Dolore durante la defecazione senza sangue e dolore
  • Sensazione di disagio

Inoltre, puoi anche consultare un medico per ulteriori spiegazioni perché se prendi farmaci con noncuranza, possono influenzare la produzione di latte materno e possono anche influenzare il bambino.

Le mamme possono curare le emorroidi:

  • Puoi immergerti in acqua tiepida, soprattutto nella zona rettale, due volte al giorno. Questo aiuterà le tue emorroidi a ridursi.
  • Puoi anche comprimere l'area gonfia con un impacco di ghiaccio più volte al giorno mentre sei seduto.
  • Evita di stare seduto e in piedi troppo a lungo
  • Mentre sei seduto, dovresti mettere un cuscino come base per ridurre la pressione sul retto. Evita di sederti su superfici troppo dure.
  • Dopo ogni movimento intestinale, dovresti pulire delicatamente l'area rettale. Se vuoi usare un fazzoletto, usa un fazzoletto di tessuto morbido in modo che non irriti
  • Usa la crema per le emorroidi per alleviare il dolore e ridurre il nodulo

È importante che tu consulti il ​​tuo medico su ciò che stai vivendo perché le emorroidi nelle mamme dopo il parto spesso riappaiono se curate solo comprimendo senza usare farmaci. Anche i medicinali che prendi devono essere conformi alla prescrizione del medico, perché devi comunque dare al tuo piccolo il latte materno. (ANNO DOMINI)