Procedura di dialisi - Guesehat

Quando i reni sono danneggiati, tutte le funzioni renali andranno perse e ovviamente pericolose per la salute. Quando a una persona viene diagnosticata un'insufficienza renale, non c'è nulla che possa essere fatto tranne che per la terapia sostitutiva renale, l'emodialisi (dialisi) o il trapianto di rene. Come viene eseguita la procedura di dialisi?

I reni sono organi a forma di fagiolo, delle dimensioni di un pugno, situati appena sotto le costole, su ciascun lato della colonna vertebrale. La funzione principale dei reni è quella di rimuovere le scorie e i liquidi in eccesso dal corpo, attraverso l'urina.

Ma la funzione dei due reni non è solo quella. I reni producono ormoni per mantenere la pressione sanguigna e mantenere le ossa forti. I reni si assicurano anche che il corpo assorba la giusta quantità di minerali nel sangue, come potassio e sodio (sale). Anche i reni producono ormoni per produrre globuli rossi.

Di seguito viene descritto come viene eseguita la procedura dialitica, per i pazienti con insufficienza renale cronica.

Leggi anche: Malattia renale cronica e acuta, qual è la differenza?

Preparazione prima della dialisi

La dialisi in termini medici è chiamata emodialisi o emodialisi. Il sangue viene fatto passare attraverso un filtro all'esterno del corpo, pulito in una macchina speciale e quindi restituito al corpo. L'emodialisi viene eseguita in ospedale.

Prima delle procedure di dialisi di routine, il paziente richiede un intervento chirurgico minore per creare un accesso diretto al flusso sanguigno. L'accesso e l'uscita da questo sangue possono essere effettuati in diversi modi:

1. Fistola (nota anche come fistola arterovenosa o fistola A-V)

Una fistola è un'arteria e una vena che si uniscono sotto la pelle, di solito nel braccio del paziente. Una volta creata una fistola AV, di solito occorrono circa 6 settimane o più per guarire e può essere utilizzata per l'emodialisi. Una fistola A-V può essere utilizzata per anni.

2. Innesto (innesto arterovenoso o innesto A-V)

Sotto la pelle viene impiantato un tubo di plastica per unire l'arteria e la vena. Questo processo di guarigione dell'innesto AV è più veloce, solo circa 2 settimane, quindi i pazienti possono iniziare l'emodialisi più velocemente.

Tuttavia, lo svantaggio dell'innesto A-V è che non durerà quanto la fistola. Dopo alcuni anni, era necessario un altro innesto A-V. Inoltre c'è un rischio maggiore di infezione. Il paziente dovrebbe anche visitare regolarmente il medico per assicurarsi che l'innesto sia ancora aperto e funzionante.

3. Catetere (catetere venoso centrale)

Questo metodo è un'opzione se il paziente deve iniziare l'emodialisi molto rapidamente. Un tubo flessibile (catetere) viene inserito in una vena del collo, sotto la clavicola o vicino all'inguine. Questa linea di cateteri può essere utilizzata immediatamente in attesa della realizzazione della fistola o dell'innesto A-V.

Leggi anche: Malattia renale cronica, drenare i fondi BPJS

Procedure di dialisi o emodialisi

  • Durante il processo di emodialisi, il paziente giace vicino alla macchina per dialisi.
  • L'infermiera dell'emodialisi attaccherà due aghi collegati da un tubo al braccio in cui si trova la fistola o l'innesto. Questo è l'accesso e l'uscita del sangue da e verso la macchina per la dialisi o chiamata dializzatore.
  • La pompa nella macchina per emodialisi espelle lentamente il sangue del paziente attraverso il primo ago, quindi lo invia alla macchina per dializzazione. Questa macchina funziona come un rene e filtra sale, rifiuti e liquidi extra che dovrebbero essere rimossi.
  • Dopo che il sangue è pulito, verrà rimandato al corpo del paziente attraverso un secondo ago nel braccio del paziente. Oppure, se un catetere è ancora in uso, il sangue esce da una porta e viene poi restituito attraverso una seconda porta.
  • La procedura di dialisi dura dalle 3 alle 5 ore, a seconda della velocità della macchina per dialisi.
  • Durante il processo di dialisi, il paziente può guardare la televisione, mangiare o bere o dormire.
  • L'infermiera controllerà la pressione sanguigna e altre indicazioni mediche durante la procedura di dialisi.

L'emodialisi può prolungare la vita dei pazienti con insufficienza renale per molti anni. Attualmente l'emodialisi è coperta da BPJS. I pazienti emodializzati in genere si sottopongono a dialisi nello stesso ospedale per anni, 2-3 volte a settimana.

Ma non dovresti sperimentarlo. Prenditi cura dei tuoi reni mantenendo la pressione sanguigna e la glicemia entro limiti di sicurezza. La maggior parte dei pazienti in dialisi è il risultato di complicanze dell'ipertensione e del diabete o di pazienti con infezioni renali.

Leggi anche: Più della metà dei pazienti con insufficienza renale è causata dal diabete

Riferimento:

WebMD.com. Dialisi al rene.

Niddk.nih.gov. Insufficienza renale ed emodialisi.