Immunizzazione IPV per bambini - GueSehat.com

La poliomielite è una malattia infettiva causata da un virus che vive nella gola e nel tratto intestinale. Questa malattia è una delle malattie comuni riscontrate nei paesi in via di sviluppo, uno dei quali è in Indonesia. Per questo motivo, l'immunizzazione IPV (Inactivated Poliovirus Vaccine) o l'immunizzazione contro la poliomielite è una delle vaccinazioni di base che devono essere somministrate ai bambini.

Conoscere la polio

La poliomielite, nota anche come poliomielite, è una malattia altamente contagiosa causata dal virus della poliomielite. Questo virus può attaccare il cervello e il midollo spinale, causando paralisi e persino la morte. I bambini di età inferiore ai 5 anni sono il gruppo più vulnerabile a contrarre questa malattia.

La maggior parte delle persone infettate dal virus della polio non è in grado di rilevare immediatamente i sintomi. Circa 1 persona su 4 con infezione da poliovirus avrà sintomi comuni simili al raffreddore insieme ad alcuni dei seguenti altri sintomi:

- Gola infiammata.

- Febbre.

- Esausto.

- Nausea.

- Male alla testa.

- Mal di stomaco.

Generalmente, questi sintomi durano 2-5 giorni e poi scompaiono da soli. Tuttavia, alcune persone con poliomielite possono sviluppare sintomi più gravi, che colpiscono il cervello e il midollo spinale. Alcuni dei sintomi da tenere d'occhio includono:

- Parestesia (sensazione di essere pugnalato alle gambe).

- Meningite (infezione della guaina del midollo spinale e/o del cervello) che si verifica in circa 1 persona su 25 con infezione da poliomielite.

- Paralisi (paralisi) o debolezza delle braccia, delle gambe o di entrambe. Questa condizione si verifica in circa 1 persona su 200 infetta da poliomielite.

La paralisi è il sintomo più grave della poliomielite. Questa condizione può causare invalidità permanente e morte. Tra 2-10 persone su 100 che soffrono di paralisi a causa dell'infezione da poliovirus muoiono perché il virus può colpire i muscoli respiratori.

In alcuni casi di poliomielite, i bambini che sembrano completamente guariti possono anche provare dolore muscolare, debolezza o paralisi quando sono adulti o dopo 15-40 anni. Questa condizione è chiamata sindrome post-polio.

Leggi anche: Prevenire il rischio di polio nei bambini con il vaccino IPV

Quanto è efficace l'immunizzazione IPV per prevenire la polio?

L'immunizzazione IPV può proteggere i bambini preparando i loro corpi a combattere il virus della polio. Quasi tutti i bambini (99 bambini su 100) che hanno ricevuto tutte le dosi raccomandate di vaccinazione antipolio saranno protetti dal rischio di questa malattia. Esistono 2 tipi di immunizzazione che possono proteggere i bambini dalla polio, vale a dire l'immunizzazione da virus della polio inattivato (IPV) e l'immunizzazione da virus della polio orale (OPV).

Chi ha bisogno di ottenere l'immunizzazione IPV?

L'immunizzazione antipolio è una delle vaccinazioni di base che dovrebbero essere somministrate sin dai neonati. L'immunizzazione contro la poliomielite sarà solitamente suddivisa in 4 dosi di somministrazione, ovvero OPV alla nascita, quindi proseguita a 2, 3 e 4 mesi con IPV o OPV.

Tieni presente che ogni bambino dovrebbe ricevere almeno 1 dose di IPV. Dopo che tutte queste serie di vaccinazioni sono state somministrate, all'età di 18 mesi può essere somministrata anche una dose di richiamo dell'immunizzazione IPV.

In determinate condizioni, ad esempio, se il bambino deve recarsi in un paese ad alto rischio di poliomielite, le vaccinazioni complete devono essere somministrate immediatamente prima del viaggio. Non solo per i bambini, l'immunizzazione antipolio può essere somministrata anche agli adulti, soprattutto se non hanno mai ricevuto l'immunizzazione antipolio da bambini.

Inoltre, ci sono 3 gruppi di adulti ad alto rischio di contrarre la poliomielite, quindi dovrebbero prendere in considerazione l'idea di vaccinarsi nuovamente contro la polio. I tre gruppi includono:

  • Adulti che viaggeranno in paesi ad alto rischio di poliomielite.
  • Adulti che lavorano in laboratori e manipolano campioni che possono contenere il poliovirus.
  • Adulti che lavorano come operatori sanitari e si prendono cura di pazienti che potrebbero avere la poliomielite.

Gli adulti che rientrano in questi 3 gruppi a rischio dovrebbero ricevere almeno l'immunizzazione antipolio con 3 dosi di IPV come segue:

  • La prima dose può essere somministrata in qualsiasi momento.
  • Seconda dose, da 1 a 2 mesi dopo.
  • Terza dose, da 6 a 12 mesi dopo la seconda dose.

Anche se in precedenza hanno ricevuto 1 o 2 dosi di vaccinazione antipolio, gli adulti nei 3 gruppi di cui sopra dovrebbero comunque ricevere la dose successiva, indipendentemente dal tempo trascorso dalla somministrazione della dose iniziale.

Gli adulti ad alto rischio di infezione da virus della polio e che hanno precedentemente completato un ciclo di routine del vaccino antipolio (IPV o OPV) possono ricevere 1 dose di richiamo di IPV per tutta la vita.

Leggi anche: Mamme, assicuratevi che i vostri figli ricevano le vaccinazioni OPV al momento giusto!

Quali condizioni non sono autorizzate a ricevere l'immunizzazione IPV?

L'immunizzazione IPV è davvero necessaria per prevenire la poliomielite. Tuttavia, ci sono alcune condizioni che dovrebbero essere considerate perché non dovresti ricevere l'immunizzazione IPV. Alcune di queste condizioni includono:

  1. Hanno sperimentato gravi allergie dovute a precedenti vaccinazioni IPV.
  2. Avere una grave reazione allergica agli antibiotici streptomicina, polimixina B o neomicina.
  3. Essere gravemente o moderatamente malato.

Sebbene non ci siano rapporti che affermino che ci sono effetti collaterali nel dare l'immunizzazione IPV alle donne in gravidanza, le donne in gravidanza non dovrebbero ricevere prima questa vaccinazione. Tuttavia, se le donne incinte appartengono a uno dei 3 gruppi di adulti a rischio di contrarre la poliomielite, dovresti prima parlare con il tuo medico della vaccinazione IPV. Se tuo figlio o tuo adulto ha solo una malattia lieve, come tosse e raffreddore senza febbre, va bene continuare a ricevere l'immunizzazione IPV.

Ci sono effetti collaterali dell'immunizzazione IPV?

Come con altri tipi di immunizzazione o farmaci, anche l'immunizzazione IPV ha effetti collaterali. Gli effetti collaterali che si presentano possono essere lievi e scomparire da soli, ma ci sono anche reazioni più gravi.

Generalmente, le persone che ricevono l'immunizzazione IPV avranno una febbre di basso grado e avvertiranno dolore e arrossamento nell'area che ha ricevuto l'iniezione. Questo effetto di solito scompare da solo.

Tuttavia, in alcuni casi, alcune persone sperimentano effetti collaterali più gravi, come:

  • Vertigini, perdita dell'udito e svenimento.
  • Dolore alla spalla grave e di lunga durata.
  • Reazione allergica grave.

Se dopo l'immunizzazione IPV ci sono alcuni effetti collaterali gravi come menzionato sopra, contattare immediatamente un medico o personale medico per ottenere il trattamento giusto.

L'immunizzazione IPV è una delle vaccinazioni di base che devono essere somministrate sin dalla nascita del bambino. Pertanto, è molto importante che ogni genitore presti attenzione al programma di immunizzazione per non perderlo. L'immunizzazione IPV è un investimento nel futuro per prevenire la poliomielite.

Quindi, in modo da non dimenticare o perdere l'immunizzazione IPV del tuo bambino, assicurati di includere il programma nella funzione Agenda nell'applicazione degli amici in gravidanza, OK! (NOI)

Fonte

WebMD. "Vaccino antipolio (IPV): quando vaccinarsi".

Salute dei bambini. "Le vaccinazioni di tuo figlio: vaccino antipolio (IPV)".

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. "Vaccinazione antipolio: cosa tutti dovrebbero sapere".

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. “Cos'è la poliomielite? "

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. "Efficacia del vaccino antipolio e durata della protezione".

Linea della salute. "Polio".