Erbe per abbassare la glicemia - Guesehat

Forse i Diabestfriends ottengono spesso informazioni su varie piante o erbe che abbassano la glicemia. Tuttavia, in quanto diabetico, ovviamente Diabestfriends non dovrebbe limitarsi a credere a queste informazioni.

Il motivo è che le informazioni che circolano non sono state dimostrate vere attraverso la ricerca scientifica. A parte questo, ci sono molte piante che hanno la proprietà di abbassare la glicemia.

Diversi studi che sono stati condotti hanno infatti scoperto che un certo numero di piante ha il potenziale per essere usato come farmaci alternativi per abbassare la glicemia. Ma ovviamente, sono ancora necessarie ulteriori ricerche, per esplorare i potenziali effetti collaterali, la giusta dose, in modo che sia veramente efficace e sicura.

Leggi anche: I diabetici possono bere il miele?

Piante per abbassare la glicemia

Giusto per aggiungere alla conoscenza di Diabestfriend, ecco 9 piante che sono state studiate come farmaci per abbassare la glicemia. Completo di risultati di ricerca!

1. Aloe Vera

L'aloe vera è una pianta che si ritiene aiuti a ridurre la glicemia. L'aloe vera è stata utilizzata nella medicina erboristica per centinaia di anni. Il motivo è che questa pianta ha un effetto curativo, ringiovanente e calmante.

Dai risultati della ricerca preliminare, bere succo di aloe vera può aiutare a ridurre la glicemia e i grassi nel sangue. I diabetici hanno anche bisogno di abbassare i livelli di grassi nel sangue perché sono a rischio di causare malattie cardiache e ictus.

Altri studi hanno dimostrato che l'aloe vera può alleviare rapidamente ferite e infiammazioni. Pertanto, l'aloe vera fa bene alle persone con diabete che hanno ferite ai piedi.

I vari benefici dell'aloe vera sono molto probabilmente ottenuti dal contenuto di lectine, mannani e antrachinoni nell'aloe vera.

2. Pare

Pare è una pianta unica il cui frutto è amaro e viene spesso mangiata dagli indonesiani. Oltre ad essere consumato, il melone amaro è anche usato come medicinale. Questo è il motivo per cui il melone amaro è anche considerato una pianta che abbassa la glicemia e fa bene ai diabetici.

Pare è ricco di vitamine e minerali essenziali. Pertanto, il melone amaro è stato a lungo usato per trattare molte malattie, incluso il diabete di tipo 2. Pare contiene almeno tre principi attivi che hanno composti antidiabetici, inclusa la charantin. Secondo la ricerca, la charantin può abbassare la glicemia.

Inoltre, il melone amaro contiene anche altre proprietà antidiabetiche, come vicina e polipeptide-p, che sono composti simili all'insulina, e lectine che possono abbassare le concentrazioni di zucchero nel sangue. Le lectine imitano gli effetti dell'insulina nel cervello e si ritiene che siano un fattore alla base dell'effetto ipoglicemizzante dopo aver consumato il melone amaro.

La ricerca mostra l'efficacia del melone amaro nell'abbassare la glicemia. Nel gennaio 2011, una ricerca pubblicata sul Journal of Ethnopharmacology ha mostrato che il consumo di 2000 milligrammi di melone amaro al giorno ha abbassato significativamente i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2, sebbene l'effetto ipoglicemizzante fosse inferiore a quello di una dose di 1.000 milligrammi di metformina per giorno.

Altri studi hanno anche mostrato un'associazione tra il consumo di melone amaro con un migliore controllo glicemico, che è stato pubblicato su Chemistry and Biology nel marzo 2008. In esso si diceva che il melone amaro migliora la tolleranza allo zucchero nel sangue.

Tuttavia, i risultati degli studi sul melone amaro sono incoerenti. La ricerca pubblicata nel Journal of Clinical Epidemiology nel 2007 non ha mostrato i benefici del melone amaro nel diabete di tipo 2. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l'efficacia del melone amaro come pianta che abbassa la glicemia.

3. Cannella

La cannella è una pianta speziata che è anche abbastanza famosa come spezia nella cucina indonesiana. La cannella è stata usata per migliaia di anni come alimento.

Bene, la cannella è anche indicata come una delle piante che abbassano lo zucchero nel sangue. La ricerca mostra che la cannella migliora i livelli di zucchero nel sangue e la sensibilità all'insulina.

Una ricerca pubblicata sulla rivista Diabetes Care nel 2003 ha dimostrato che la cannella cassia migliora il controllo della glicemia e del colesterolo nelle persone con diabete di tipo 2 e riduce i fattori di rischio per le complicanze del diabete e le malattie cardiache.

La ricerca mostra anche che il consumo giornaliero di 1, 3 o 6 grammi di cannella per 40 giorni può ridurre la glicemia, i trigliceridi, il colesterolo cattivo LDL e il colesterolo totale nei diabetici.

Un altro studio pubblicato su Agricultural Research Magazine nel luglio 2000 ha mostrato che il consumo di 1 grammo di cannella al giorno potrebbe migliorare la sensibilità all'insulina e controllare il diabete di tipo 2.

Inoltre, una ricerca pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition ha anche dimostrato che il consumo di 6 grammi di cannella riduce l'iperglicemia post-pasto.

A causa dei numerosi studi che mostrano i benefici della cannella come pianta per abbassare la glicemia, molti medici concordano sul fatto che il consumo di cannella sia buono per le persone con diabete di tipo 2.

4. Millepiedi

Il fieno greco o fieno greco è una pianta profumata che viene spesso utilizzata in cucina. Questa pianta è utilizzata anche nel mondo medico. Ecco perché il fieno greco è anche una pianta che abbassa la glicemia.

I semi di fieno greco sono ricchi di fibre solubili, che abbassano la glicemia rallentando la digestione e l'assorbimento dei carboidrati. È qui che il millepiedi è considerato una pianta che abbassa la glicemia.

Sono stati condotti diversi studi per indagare sui benefici antidiabetici del fieno greco. Alcuni di essi mostrano che i semi di fieno greco possono alleviare i sintomi metabolici del diabete di tipo 1 e del diabete di tipo 2, abbassando i livelli di zucchero nel sangue e aumentando la tolleranza allo zucchero nel sangue.

In uno studio indiano, è stato scoperto che il consumo di semi di fieno greco in polvere, a cui è stato rimosso il grasso, riduceva i livelli di zucchero nel sangue a digiuno nei diabetici di tipo 1 insulino-dipendenti.

Lo studio ha anche dimostrato che il consumo di polvere di semi di fieno greco che è stato rimosso dal grasso può migliorare la tolleranza allo zucchero nel sangue, nonché abbassare il colesterolo totale, il colesterolo cattivo LDL e i trigliceridi. Il consumo regolare di 15 grammi di semi di fieno greco in polvere può ridurre l'aumento dei livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato nelle persone con diabete di tipo 2.

C'è anche una ricerca che mostra che consumare 2,5 grammi di fieno greco due volte al giorno per tre mesi può abbassare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2 la cui condizione non è troppo grave.

A causa di alcuni di questi studi, il fieno greco è considerato una delle piante ipoglicemizzanti che possono essere consumate dai diabetici.

Leggi anche: Colazione per diabetici, questo è il menù salutare!

5. Zenzero

Lo zenzero è anche una delle spezie più famose in Indonesia. Apparentemente, lo zenzero è anche una delle piante che abbassano la glicemia. Una ricerca pubblicata sulla rivista Planta Medica nell'agosto 2012 ha dimostrato che lo zenzero può migliorare il controllo della glicemia a lungo termine nelle persone con diabete di tipo 2.

Inoltre, i ricercatori dell'Università di Sydney, in Australia, hanno scoperto che l'estratto di zenzero australiano è ricco di gingeroli. Lo stesso zenzero è un composto attivo che può aumentare l'assorbimento di zucchero nel sangue nelle cellule muscolari senza usare l'insulina.

Nel dicembre 2009, una ricerca pubblicata sull'European Journal of Pharmacology ha mostrato che due estratti di zenzero, vale a dire lo spissum e il suo estratto di olio, erano utili per i diabetici. Il trattamento con entrambi gli estratti di zenzero ha ridotto i livelli di zucchero nel sangue del 35% e ha aumentato i livelli di insulina plasmatica del 10%.

Inoltre, secondo una ricerca pubblicata nell'agosto 2010 su Molecular Vision, il consumo regolare di zenzero ha rallentato lo sviluppo della cataratta nei topi. La cataratta è una delle complicanze a lungo termine dei diabetici.

Lo zenzero ha anche un basso indice glicemico. Gli alimenti a basso indice glicemico hanno un lento processo digestivo per formare la glicemia, quindi non innescano un drastico aumento della glicemia.

6. Okra

Il gombo è anche una delle piante che abbassano lo zucchero nel sangue. In effetti, la reputazione di questa pianta è molto alta, soprattutto nelle persone con diabete o malati di cancro.

Le prove che il gombo abbia proprietà antidiabetiche sono in aumento. In uno studio pubblicato nel Journal of Pharmacy & BioAllied Sciences nel 2011, i ratti che sono stati nutriti con pelle e semi di gombo essiccati hanno sperimentato una diminuzione della glicemia.

Inoltre, al di fuori della ricerca scientifica, molti diabetici sperimentano una diminuzione dei livelli di zucchero nel sangue dopo aver consumato pezzi di gombo immersi in acqua durante la notte e aver bevuto succo di gombo al mattino.

Queste cose rendono l'okra conosciuto come una pianta che abbassa la glicemia.

7. Aglio

L'aglio ha un alto contenuto di antiossidanti. Ma a quanto pare, l'aglio è anche una pianta che abbassa la glicemia. Diversi studi per indagare la relazione tra aglio e livelli di zucchero nel sangue hanno avuto risultati positivi.

L'aglio può anche abbassare i livelli di zucchero nel sangue, aumentare la secrezione e rallentare la degradazione dell'insulina. Tuttavia, la ricerca sull'aglio come pianta che abbassa la glicemia è ancora molto scarsa. Per essere in grado di dimostrare i benefici dell'aglio, una pianta che abbassa la glicemia, sono necessarie ulteriori ricerche.

Pertanto, sono necessarie ricerche sempre più approfondite per confermare i benefici positivi dell'aglio sulla glicemia.

8. Follia

Forse molti indonesiani non hanno familiarità con questa pianta. Kemarrogan si trova generalmente in India. Tuttavia, il kemarogan è indicato anche come pianta che abbassa la glicemia.

Secondo diversi studi, il kemarogan contiene composti che ricordano la funzione dell'insulina. Tuttavia, gli esperti affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i benefici del kemarogan come pianta che abbassa la glicemia.

9. Ruku-ruku

Ruku-ruku è una pianta simile al basilico, ed è spesso usata come spezia nella cucina Minangkabau, come il curry. Apparentemente, ruku-ruku è anche conosciuto come una pianta che abbassa la glicemia.

Secondo uno studio, il consumo di ruku ha benefici positivi sui livelli di zucchero nel sangue a digiuno e post-pasto. Inoltre, ruku può anche aumentare il processo di secrezione di insulina.

Leggi anche: Tipi di latte che i diabetici possono e non possono consumare

Consumare saggiamente le erbe

Sebbene diversi studi abbiano mostrato benefici positivi di tutte le piante ipoglicemizzanti sopra menzionate, generalmente la ricerca è ancora su piccola scala. Per diventare un'erboristeria efficace, sono necessarie diverse fasi di ricerca, comprese le prove sugli esseri umani con un gran numero di campioni.

Il fatto è che attualmente molti medicinali a base di erbe per il diabete interagiscono con i farmaci per il diabete, comprese le iniezioni di insulina, e causano alcuni effetti collaterali, in particolare l'ipoglicemia.

Pertanto, se Diabestfriends ha intenzione di consumare una delle piante che abbassano lo zucchero nel sangue di cui sopra, devi prima consultare il tuo medico. In questo modo, non interferisce con il trattamento a cui è attualmente sottoposto Diabestfriends. Ricorda che la glicemia può essere abbassata mantenendo una dieta sana, facendo esercizio fisico e assumendo regolarmente farmaci per il diabete. (UH/AY)

Piante per abbassare la glicemia

Fonte:

Diabetes.co.uk. Erbe e terapie naturali.

Attività antidiabetica del succo di Aloe vera L. I. Sperimentazione clinica in nuovi casi di diabete mellito. Yongchaiyudha S, Rungpitarangsi V, Bunyapraphatsara N, Chokechaijaroenporn O. 1996.

Attività antidiabetica del succo di Aloe vera L. II. Studio clinico in pazienti con diabete mellito in combinazione con glibenclamide. Bunyapraphatsara N, Yongchaiyudha S, Rungpitarangsi V, Chokechaijaroenporn O. 1996.

Giornale di etnofarmacologia. Effetto ipoglicemico del melone amaro rispetto alla metformina nei pazienti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi. A. Fuangchan et al. 2011.

Giornale britannico di nutrizione. Effetti antidiabetici e ipoglicemizzanti di Momordica Charantia (melone amaro): una mini recensione. L. Leung. 2009.

Giornale di epidemiologia clinica. L'effetto della preparazione della capsula di Momordica Charantia sul controllo glicemico nel diabete mellito di tipo 2 necessita di ulteriori studi. SONO. Dan, et al. 2007.

Cura del diabete. La cannella migliora il glucosio e i lipidi delle persone con diabete di tipo 2. Khan A, Khattak K, Sadfar M, Anderson R, Khan M. 2003.

Rivista di ricerca agricola. Gli estratti di cannella aumentano la sensibilità all'insulina. Anderson, R. et al. 2000.

Diabetes.co.uk. Fieno greco e diabete.

Diabetes.co.uk. Zenzero e diabete.

Diabetes.co.uk. ocra.

parola chiave: impianto per abbassare la glicemia