Calcificazione della placenta durante la gravidanza - GueSehat.com

La placenta, nota anche come placenta, è un organo che si attacca all'utero durante la gravidanza. La maggior parte delle persone indonesiane si riferisce a questo organo come al "fratello" del futuro bambino mentre è nel grembo materno. Durante la gravidanza, la placenta ha la funzione di mantenere e proteggere il bambino in vari modi, dalla fornitura di sostanze nutritive al fabbisogno di ossigeno del bambino.

Una volta che l'importanza del ruolo della placenta durante la gravidanza, il minimo disturbo può influenzare notevolmente le condizioni del bambino e anche delle mamme. Uno dei problemi che possono verificarsi nella placenta durante la gravidanza è la calcificazione della placenta. Cosa pensi sia la calcificazione della placenta, le sue cause e gli effetti? Ecco una spiegazione completa.

Leggi anche: Mamme, conosciamo la placenta!

Cos'è la calcificazione placentare?

La calcificazione placentare è una condizione di invecchiamento della placenta, dove c'è un accumulo di calcio causato dalla rottura di piccoli vasi sanguigni nella placenta. Questa condizione può dirsi normale se la calcificazione della placenta avviene verso la fine della gravidanza.

Questo perché con l'aumentare dell'età gestazionale, la placenta subirà dei cambiamenti per facilitare la crescita e lo sviluppo del bambino. Anche così, devi anche sapere che più vecchia è l'età gestazionale, peggiore può essere la condizione della placenta.

Alla fine della gravidanza, la sua capacità di fornire ossigeno e cibo al feto diminuirà. E alla fine della 42a settimana, le mamme sono tenute a sottoporsi immediatamente al processo del travaglio. Perché in quel momento, la placenta può subire calcificazioni. Ciò può rendere difficile per il bambino respirare nell'utero o persino ricevere nutrimento dalle mamme.

Inoltre, se questa condizione si verifica prima delle 36 settimane di gestazione, può anche causare una serie di problemi nel bambino, come basso peso alla nascita, parto prematuro e, in rari casi, può causare la morte del feto. La calcificazione della placenta può essere vista attraverso l'esame ecografico, che di solito è caratterizzato dalla comparsa di macchie bianche che si diffondono dal fondo alla superficie della placenta.

Quali sono le cause della calcificazione della placenta?

La causa esatta della calcificazione della placenta non è nota. Anche così, ci sono diversi fattori che si pensa aumentino il rischio di calcificazione della placenta, tra cui:

- Abitudine al fumo.

- Ipertensione.

- Forte stress durante la gravidanza.

- Infezione batterica della placenta.

distacco della placenta, che è una condizione in cui la placenta si separa dalla parete uterina.

- Fattori ambientali, compresa l'esposizione alle radiazioni.

- Effetti collaterali di alcuni farmaci o integratori, come farmaci antiacidi o integratori di calcio, soprattutto se assunti per lungo tempo o in dosi elevate.

Leggi anche: Placenta Acreta, complicazioni della gravidanza che devi conoscere

Quando si verifica la calcificazione della placenta?

In generale, la calcificazione della placenta è suddivisa in 4 stadi, dal grado 0 (non maturo) al III (più maturo). I cambiamenti possono essere visti a 12 settimane di gestazione. Con il progredire della gravidanza, la placenta diventa più matura e può calcificarsi.

Le seguenti sono le quattro fasi della calcificazione della placenta in base all'età gestazionale:

- Grado 0: prima delle 18 settimane di gestazione.

- Grado I: circa 18-29 settimane di gestazione.

- Grado II: circa 30-38 settimane di gestazione.

- Grado III: circa 39 settimane di gestazione.

La calcificazione placentare che si verifica nel grado III è classificata come la condizione più grave. In questa fase, le macchie calcificate si sono formate e sono diventate un cerchio ad anello che circonda la placenta.

Quali sono i rischi di calcificazione della placenta?

La calcificazione della placenta è infatti una condizione abbastanza comune durante la gravidanza. Anche così, se questi cambiamenti nella placenta si verificano non in base all'età gestazionale, ad esempio il tasso di calcificazione è avanzato, anche se l'età gestazionale è ancora giovane, allora può essere causato da alcuni problemi e può causare complicazioni.

I seguenti sono alcuni dei rischi che possono verificarsi se la calcificazione della placenta si verifica troppo presto:

- Prima delle 32 settimane di gravidanza

Se la calcificazione si verifica prima che l'età gestazionale raggiunga le 32 settimane, questa condizione viene definita calcificazione placentare pretermine precoce. La calcificazione che si verifica all'inizio della gravidanza può essere molto pericolosa per la madre e anche per il feto.

La madre può sperimentare un'emorragia postpartum e un distacco di placenta. Nel frattempo, è probabile che il bambino nasca prematuramente e possa subire tutti i tipi di rischi per la salute associati alla nascita prematura. I bambini nati possono anche avere punteggi Apgar e pesi alla nascita molto bassi. In rari casi, il feto può anche morire nell'utero.

- 36 settimane di gravidanza

La calcificazione dello stadio III della placenta può causare ipertensione durante la gravidanza, che può essere fatale per il feto e causare complicazioni durante la gravidanza. È probabile che i bambini nati con questa condizione abbiano un basso peso alla nascita. Inoltre, le madri possono anche subire il processo di parto prematuro e molto probabilmente di taglio cesareo.

- Età 37-42 settimane di gravidanza

A 37 settimane di gestazione, è normale che si verifichi la calcificazione della placenta. Il bambino è completamente maturo e probabilmente non correrà alcun rischio, e nemmeno la madre.

Anche così, i bambini dovrebbero nascere prima della 42a settimana di gravidanza perché la calcificazione della placenta può rendere la placenta incapace di fornire nutrienti e ossigeno al feto. Un apporto di ossigeno inadeguato può comportare il rischio di danni al cervello del bambino.

La causa della condizione di calcificazione della placenta non è nota con certezza, quindi è abbastanza difficile conoscere il modo giusto per prevenirla. Tuttavia, prendendosi sempre cura della propria salute e sottoponendosi a regolari controlli durante la gravidanza, è possibile ridurre alcuni dei rischi di calcificazione prematura della placenta. (NOI)

Fonte

Centro per l'infanzia. "Invecchiamento o calcificazione della placenta".

Il primo grido dei genitori. "Calcificazione della placenta in gravidanza".

Genitore24. "Cos'è la calcificazione della placenta?".