Cibo per chi soffre di autoimmunità

L'autoimmune è una malattia in cui il sistema immunitario, che funziona per proteggere il corpo dalle sostanze nocive, attacca invece il corpo. Le malattie autoimmuni non possono essere curate, ma possono essere controllate. Uno di questi è applicare la dieta giusta. Chi soffre di autoimmunità deve conoscere gli alimenti per chi soffre di autoimmunità e gli alimenti vietati per le malattie autoimmuni.

Il cibo per chi soffre di autoimmunità può essere chiamato dieta del protocollo autoimmune o il protocollo autoimmune (AIP). Questa dieta può aiutare a nutrire il tratto digestivo, riducendo così il rischio di infiammazione comunemente sperimentato dalle persone con malattie autoimmuni.

Il cibo per le persone con malattie autoimmuni in realtà non è molto diverso dalla gente comune. Forse solo una piccola differenza. Quindi quali sono questi alimenti e per quanto riguarda gli alimenti vietati per le malattie autoimmuni? Ecco la spiegazione!

Leggi anche: L'autoimmunità può essere curata?

Cibo per pazienti autoimmuni

Il cibo per chi soffre di autoimmunità è molto specifico. Lo scopo di questa dieta è ridurre l'assunzione di alimenti che causano l'infiammazione per controllare il sistema immunitario del corpo. Con la giusta dieta, si spera che l'infiammazione in tutto il corpo possa essere ridotta e si ottenga la remissione. Queste diete sono spesso finalizzate al controllo dell'autoimmunità associata ai disturbi intestinali.

Qual è la relazione tra disturbi o infiammazioni autoimmuni e intestinali? Le malattie autoimmuni possono causare gravi infiammazioni all'intestino e persino perdite. Di conseguenza, il cibo si diffonde in tutto il corpo e fa reagire il sistema immunitario.

Mangiando cibi specifici per chi soffre di malattie autoimmuni, questi problemi possono essere superati. Dieta o cibo per le persone con corse autoimmuni dalla dieta paleo, ma di nuovo più limitate o rigorose.

Gli alimenti per chi soffre di autoimmunità sono ricchi di vitamine e sostanze nutritive e contengono molti acidi grassi omega-3. Le persone con malattie autoimmuni devono rispettare un rigoroso programma alimentare per diverse settimane prima di poter iniziare ad aggiungere alimenti che non sono inclusi nella dieta o alimenti raccomandati per le persone con malattie autoimmuni.

Ci vuole molto tempo per poter aggiungere nuovi alimenti a questa dieta regolare, oltre al fatto che anche il cibo deve essere aggiunto lentamente. Se hai una malattia autoimmune, puoi mangiare un nuovo alimento ogni pochi giorni o una volta alla settimana.

Dopodiché, devi prestare attenzione se il corpo mostra una certa reazione dopo aver mangiato un nuovo cibo. Se si verificano determinati effetti collaterali, il consumo di questi nuovi alimenti deve essere eliminato dalla dieta quotidiana.

Cibi proibiti per le malattie autoimmuni

La dieta per chi soffre di autoimmunità è molto limitata. Quindi, sono molti anche gli alimenti vietati per le malattie autoimmuni. La maggior parte di questi alimenti sono gli stessi da evitare se si segue una dieta paleo.

I seguenti alimenti sono vietati alle persone con malattie autoimmuni:

  • cereali
  • Legumi
  • Latticini (anche crudi)
  • Cibo trattato
  • Zucchero semolato fine
  • Oli di cereali macinati (come olio vegetale o olio di colza)

La dieta per le persone con autoimmunità vieta anche il consumo di alcuni alimenti che non sono vietati nella dieta paleo. Ecco un elenco di questi alimenti:

  • Uovo
  • Noci e semi, compresi gli alimenti che potresti pensare non rientrino in questa categoria, come caffè, cioccolato e alcune spezie (ad esempio coriandolo e cumino)
  • Verdure belladonna (pomodori, peperoni, melanzane, patate e altro)
  • Gomma da masticare
  • Dolcificanti artificiali
  • Emulsionanti e addensanti alimentari

Devi anche evitare di assumere droghe antinfiammatorio non steroideo (FANS) e alcol. I FANS sono antidolorifici come l'ibuprofene, l'aspirina e il naprossene sodico.

Leggi anche: Conoscere l'autoimmunità, la malattia che attacca Ashanty

Alimenti che i pazienti autoimmuni possono consumare

Bene, conosci già gli alimenti vietati per le malattie autoimmuni. Ora devi conoscere gli alimenti che possono mangiare i malati di autoimmunità. Secondo gli esperti, gli alimenti che le persone con malattie autoimmuni possono mangiare dovrebbero essere ricchi di carne e verdure, ma non di verdure belladonna.

Inoltre, i seguenti alimenti possono essere consumati dai pazienti autoimmuni:

  • Prodotti a base di cocco, compreso l'olio di cocco
  • Olio d'oliva
  • Alimenti fermentati, purché non contengano latticini (come kombucha e verdure fermentate)
  • Una varietà di aceti, tra cui zavorra, vino rosso e sidro di mele, purché non contengano zucchero
  • Sciroppo d'acero o miele in piccole porzioni
  • pianta di erbe
  • amido di arrowroot
  • Gelatina da carne di allevamenti di erba biologica

Allora, che dire della frutta per le malattie autoimmuni? Questa è una delle domande più frequenti delle persone con malattie autoimmuni. Le opinioni relative alla frutta per le malattie autoimmuni sono piuttosto controverse.

Alcuni sostengono che le persone con malattie autoimmuni non dovrebbero mangiare frutta a causa del suo contenuto di zucchero. Tuttavia, alcuni esperti sostengono che il consumo di frutta per le malattie autoimmuni va bene.

In realtà, la risposta non è semplice. La frutta in sé non è vietata nella dieta AIP. Esistono molti tipi di frutta e tutti sono ricchi di vitamine, minerali e antiossidanti, quindi fanno bene al corpo.

Sebbene la frutta possa contenere molto zucchero, questo non è un motivo sufficiente per non mangiarla. Il motivo è che, mangiando frutta fresca e naturale, possiamo ottenere un grande apporto nutritivo.

Gli esperti raccomandano che la frutta per le malattie autoimmuni venga consumata entro il limite di 10 - 20 grammi al giorno. Ciò significa che chi soffre di malattie autoimmuni può mangiare 2-5 pezzi di frutta al giorno, a seconda del contenuto di fruttosio in esso contenuto.

Quindi, nella scelta della frutta per le malattie autoimmuni, è necessario conoscere il contenuto di fruttosio. Tuttavia, le persone con malattie autoimmuni non dovrebbero mangiare frutta secca a causa del suo alto indice glicemico.

A chi è consigliato seguire la dieta AIP?

Le persone con malattie autoimmuni possono trarre beneficio da questa dieta. Questa dieta contiene alimenti che possono essere consumati da pazienti autoimmuni e alimenti vietati per le malattie autoimmuni.

Quindi, questa dieta ha l'obiettivo di ripristinare il sistema immunitario, evitando cibi che possono causare infiammazioni nel corpo. Esempi di malattie autoimmuni includono il lupus, l'artrite reumatoide, il morbo di Crohn e la psoriasi.

Le malattie autoimmuni non possono essere curate, ma possono essere controllate. Una dieta AIP che contiene cibi che possono essere consumati da chi soffre di malattie autoimmuni e cibi proibiti per questa malattia autoimmune può aiutare a controllare la condizione.

Leggi anche: Conoscere le malattie autoimmuni e il trattamento con immunoglobuline endovenose

Seguire la dieta AIP può infatti aiutare a controllare le malattie autoimmuni evitando cibi che possono causare infiammazioni. Tuttavia, ci sono altri modi che possono essere fatti per controllare le malattie autoimmuni. Quindi, dovresti prima consultare un medico.

La cosa più importante è sapere quali cibi si mangiano. In questo modo, sai se ci sono alimenti che causano determinati sintomi nel tuo corpo.

Quindi, sebbene questa dieta sia ottima, non è l'unico modo per ridurre l'infiammazione. Ridurre lo stress, dormire a sufficienza, evitare abitudini malsane come fumare e bere alcolici può anche ridurre l'infiammazione.

Fonte:

Linea della salute. Qual è la dieta del protocollo autoimmune (AIP)?. luglio 2018.

La Paleo Mamma. Il protocollo autoimmune.

Notizie degli Stati Uniti. La dieta paleo autoimmune è legittima?. gennaio 2015.

Benessere autoimmune. Fruit e il protocollo autoimmune. marzo 2014.

API di stile di vita. Cos'è l'AIP?. maggio 2019.

Dott. Sara Gotfried MD. È necessario il protocollo autoimmune?. marzo 2015.